Il guinzaglio, emozioni in un click

DSC_7124

Il guinzaglio è come un cordone ombelicale, è una connessione diretta e potente tra le due menti: quella del cane e dell’umano che lo accompagna, un canale preferenziale del passaggio delle emozioni.

Il guinzaglio è un importante strumento di comunicazione: trasmette allerta, nei confronti di una situazione che si sta svolgendo, quando è teso mentre infonde tranquillità quando è morbido.

Troppo spesso la passeggiata al guinzaglio viene sottovalutata, portiamo fuori il cane con l’unico intento di fargli fare i “bisogni” scordando che per il cane ogni uscita è esperienza del mondo: ci ritroviamo a trascinarlo da un lembo all’altro delle piccole aiuole cittadine pensando alle nostre mille cose da fare e magari approfittando di questo momento preziosissimo per la costruzione della relazione con lui, per chiamare il caro amico che non sentiamo da tempo.

Il guinzaglio è la cartina tornasole dello stato della nostra relazione. Un cane tira il guinzaglio per diversi motivi: perché ha riconosciuto la strada e vuole arrivare a destinazione, perché vuole uscire da una situazione fastidiosa, magari quel tratto di strada è rumoroso o troppo  affollato o più semplicemente le uscite giornaliere non sono sufficienti sono inferiori a tre o addirittura relegate al solo fine settimana, o troppo brevi, durano sempre e solo il tempo per fare cacca e pipì e non offrono la possibilità di annusare il territorio e prendere o dare informazioni.

Camminare senza tirare al guinzaglio è come preparare un dolce squisito, tutto dipende dalla nostra attenzione nel dosare e combinare insieme gli ingredienti giusti: Relazione, Comunicazione, Motivazioni del Cane e la giusta strumentazione. Il guinzaglio lungo da 3 metri, accorciabile alla lunghezza imposta dalla legge per i tratti in città (non il flexi e non i guinzagli con catena o anelli) e prevalentemente una pettorina (non il collare a strangolo!) rappresentano un buon inizio.

La passeggiata al guinzaglio è il momento che il nostro cane aspetta con grande trepidazione: potrà finalmente prendere e lasciare informazioni. È il momento in cui anche lui potrà accedere al ‘facebook’ canino e aggiornarsi su cosa è successo in sua assenza, lasciando a sua volta preziosissimi post.

Quindi lasciamo la fretta, il cellulare e i nostri mille pensieri a casa e usciamo per una bella passeggiata solo noi insieme al nostro amico. Senza scordare sacchetti e museruola, però… 😀

Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Post Comment